user profile avatar
Blog

Appello di Giornalia.com al Presidente Claudio Solinas e all'Oratore del Collegio sardo Vittorio De Riso

L'ora segnata dal destino impone, dopo quattro anni, un definitivo recupero di stile

article photo


Ill.mo Presidente della Circoscrizione Sardegna del Grande Oriente d’Italia, dr. Claudio Solinas

Preg.mo Oratore della Circoscrizione Sardegna del Grande Oriente d’Italia, dr. Vittorio De Riso


Giornalia.com e la sua community di lettori ha appreso, in queste ore, della “Tavola di incolpazione massonica” rilasciata dalla Corte Centrale del G.O.I. ai danni dell’Ill.mo Presidente del Collegio regionale sardo, dr. Claudio Solinas.

Riteniamo la suddetta “Tavola” una ricostruzione artificiosa, di circostanze affastellate, veicolata con l’unico scopo di colpire colui che rappresenta la Resistenza Sarda all’arbitrio di un potere verticistico che le libere e democratiche elezioni per la Gran Maestranza del G.O.I. hanno dimostrato non essere più maggioritario tra i “fratelli” Maestri del Vs. Ordine.

Come ben sapete, Presidente Solinas ed Oratore Circoscrizionale De Riso, in Sardegna sono state compiute gravi colpe massoniche, che il Vostro Regolamento non permette di considerare poste in prescrizione.

Le offese al Capo dello Stato, Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, alle Istituzioni repubblicane, alla Dignità morale del corpo massonico universale, patrimonio immateriale del Grande Oriente d’Italia, ai Fratelli dell’Ordine tutti, agli ideali democratici ai quali si ispira il Vostro Ordine, ai principi di Fratellanza, Tolleranza e Uguaglianza, al rispetto del genere femminile come fulcro di integrità iniziatica, meritano finalmente il Vostro accurato vaglio critico e la Vostra decisa azione.

I colpevoli sono noti e la documentazione è già da qualche ora a Vostre mani.

È il momento di agire per la Storia e per la coscienza stessa dell’Istituzione che rappresentate.


Con cortese considerazione,

Giornalia.com


RIPRODUZIONE RISERVATA ©

letto 895 volte • piace a 0 persone0 commenti

Devi accedere per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!

advertising
advertising
advertising