Eva Simola

 Validato   

  Salute

Tempo di Lettura: 2 minuti

Bra Day 2021: perché le donne siano ‘Libere di scegliere’

Il 20 ottobre al Policlinico Duilio Casula consulti gratuiti con il team della chirurgiaplastica

     Il tumore al seno colpisce 1 donna su 9 nel corso della vita (dati “I numeri del cancro 2019” AIOM, AIRTUM). Dalla fine degli anni novanta si osserva una continua tendenza alla diminuzione della mortalità per carcinoma mammario (-0,8% annuo), attribuibile alla maggiore diffusione dei programmi di diagnosi precoce e ai progressi terapeutici.

    L’ anticipazione diagnostica è quindi importantissima: la donna deve avere cura della propria salute seguendo un regime alimentare sano e fare attivita’ sportiva (cd prevenzione primaria) nonche’ sottoporsi periodicamente allo screening per la diagnosi precoce del tumore mammario (che si rivolge alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni e si esegue con una mammografia ogni 2 anni) ( cd prevenzione secondaria) salva la presenza di situazioni particolari come ad esempio per le donne con mutazioni genetiche.

    Nella stragrande maggioranza dei casi, la cura oncologica comporta un intervento chirurgico più o meno demolitivo cosi’ pure nel caso di un intervento di prevenzione in presenza di una mutazione genetica (come nel caso della famosa attrice Angelina Jolie che si e’ sottoposta ad una mastectomia preventiva (vale a dire l'asportazione di entrambe le mammelle) per evitare il rischio di un tumore al seno).

   Ogni caso è diverso e il chirurgo oncologo deve innanzitutto valutare la situazione oncologica della donna pur tuttavia, nello stesso intervento chirurgico di mastectomia, si procede ordinariamente alla ricostruzione del seno al fine di determinare un miglior recupero psico-fisico nella donna gia’ in fase post operatoria.

    Cio’ detto in che modo la donna puo’ essere libera di scegliere? Questo concetto, espresso in questa parola, “libertà”, rimane poco chiaro, e se ne approfondissimo il significato, non rimarrebbe quasi niente: siamo veramente liberi di scegliere il nostro destino? Come si può scegliere se non si ha conoscenza, né potere o consapevolezza? Su quale base si è in grado di fare una scelta libera? Ad esempio una mastectomia preventiva riduce notevolmente la possibilita’ di sviluppare la malattia ma non la esclude soprattutto in altri organi. La scienza non spiega ne copre tutte le possibilita’ ed una scelta oculata risulta assai difficile. E’ necessario pertanto chiedersi se si puo’ rifiutare la sofferenza, cambiare il corso del proprio destino una risposta che rimarra’ sempre una speranza ma mai una certezza ciononostante vi e’ la liberta’ di scegliere il presente: esistono diverse tecniche di intervento ricostruttivo e tra di esse la donna puo’ liberamente scegliere riconquistando non solo l’immagine perduta ma anche la liberta’ di pensare a come voler vivere.

    Ed allora che ogni donna sia libera di scegliere se e come curarsi, se vivere nel presente o nel futuro.

    Bray day Italy: Mercoledì 20 ottobre al Policlinico Duilio Casula consulti gratuiti con il team della chirurgiaplastica

    Per prenotare chiama lo 07051096621 dalle 8 alle 15



Fonte: web
RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 265 volte • piace a 2 persone0 commenti


Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


Cagliari, presentazione del libro “La vita è tutto il resto”
Autobiografia oncologica raccontata con autoironia


IN SENECAE HONORE AC LATINITATIS CULTURAE PRINCIPIORUM
di Paola Musu