User Avatar
FABIO LOI

 Validato   

  Politica

Tempo di Lettura: 2 minuti

Briatore: un imprenditore della politica?

Anche in parlamento ci sono i saldi, Flavio Briatore vuole governare gratis.

Con l’ultimo imprenditore italiano in politica non è andata bene. Non per il politico, ma per gli italiani. A lui è andata benissimo.

È il 1994 e Silvio Berlusconi si presenta come “l’uomo nuovo, l’uomo che si è fatto da solo, l’imprenditore pulito e di successo”. Qualche anno dopo le macerie del muro di Berlino in Germania e quelle in Italia lasciate dal pool di mani pulite, per molti italiani, Silvio Berlusconi sembra avere un senso.

Ma tutti sappiamo come è andata a finire.

Comunque in quegli anni Silvio Berlusconi era molto più giovane, con molto meno trucco di oggi. Si presentava gli italiani e diceva così:

“L’Italia ha bisogno di persone con la testa sulle spalle e di esperienza consolidata, creative ed innovative capaci di dare una mano e far funzionare lo stato... Lo faccio per mettere in campo la mia esperienza e tutto il mio impegno... Mi metto a disposizione di una battaglia... Ho deciso di scendere in campo con un nuovo movimento di uomini totalmente nuovi... Con impegni concreti e comprensibili, vi dico che è possibile farla finita con una politica di chiacchiere incomprensibili, di stupide baruffe e di politicanti senza mestiere”.

Invece oggi ci vuole riprovare un altro imprenditore di successo, il re del Billionaire, Flavio Briatore, anno di nascita 1950.

Vediamo cosa ci dice di questo movimento del fare: “in questo momento così critico e confuso per il Paese Italia, ormai alla deriva, mi faccio avanti con una proposta forte e concreta: il Movimento del Fare sarà formato da persone e personalità che metteranno la loro esperienza e le loro competenze a disposizione degli italiani...Io mi metto in gioco in prima persona e so di poter contare su tanti professionisti e imprenditori che condividono le mie idee e vogliono far parte del Movimento del Fare... Non voglio sprecare le mie giornate in commissioni inutili e a sentire idioti che non hanno mai viaggiato”.

Niente di nuovo, sono più o meno le stesse parole usate da Silvio Berlusconi due decenni e mezzo fa. Manca solo che racconti la storia della sua vita usando le tecniche dello storytelling.

Ma in realtà una differenza c’è, dice che lo farà gratis. Anche in parlamento ci sono i saldi.

Briatore ha detto che bisogna eliminare il reddito di cittadinanza. Oggi, in Italia la disoccupazione giovanile è al 32% e in Sardegna al 36%. È giusto, il reddito di cittadinanza bisognerebbe abolirlo. Ma quando ci sarà il lavoro...

Sorge il dubbio che Marx avesse ragione: l’esercito dei disoccupati serve agli imprenditori come riserva di manodopera a basso costo. E siccome nessuno, ma proprio nessuno, vuole pensare male di Flavio Briatore: dice di aver vinto sette mondiali di formula 1. Forse è il caso che la smetta di dire fesserie.

Siccome al Billionaire non ci sono mai inciampato e Briatore non lo conosco, ho cercato di farmi un’idea guardando il suo curriculum: Flavio, collabora negli anni settanta con un finanziere e costruttore, Attilio Dutto. Poi ucciso con una bomba nella sua auto. Dopo diverse operazioni finanziarie fallimentari, viene condannato a un anno e mezzo dal tribunale di Bergamo per un giro di affari con bische clandestine e a tre anni dal Tribunale di Milano. Fugge alle Isole Vergini, nel mar dei Caraibi, e così evita la condanna per poi rientrare in Italia dopo aver ottenuto l’amnistia e dedicarsi con successo alla Formula 1. Negli anni verrà indagato diverse volte dalla Guardia di Finanza ma non subirà altre condanne definitive.

Ha un diploma di geometra conseguito da privatista, con una tesina che come oggetto ha il progetto di una stalla... Per gli asini immagino.

Insomma, una cosa è certa. Nei banchi  dei parlamentari uno così non fa di certo una brutta figura.

Si ambienterebbe senza problemi. Per cui sarebbe il caso di mandare un grande in bocca al lupo a Flavio Briatore insieme a un “ci vediamo in parlamento”.

Sono sicuro che a una parte dei sardi e degli italiani quest’uomo del fare piace, d’altronde la storia non ha mai insegnato nulla...



RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 103 volte • piace a 1 persone0 commenti


Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


Fuori dalle gare elettorali, soltanto con le idealità civili e politiche di una vita intera
Per una società aperta e inclusiva, per l’Italia repubblicana, per l’Europa federale


38 giorni di ferie per la Camera
La voglia di mare mette tutti d’accordo: ci si rivede il 9 settembre.