Franco Meloni

 Validato   

  Politica

Tempo di Lettura: 2 minuti

Cagliari si slega. Manifestazione sabato 7 dicembre in piazza Garibaldi

Manifestazione delle sardine. A Cagliari sabato 7 dicembre 2019. Per tale occasione pubblichiamo una lettera di appoggio al Movimento di Carlo Smuraglia, presidente emerito dell’ANPI.

Lettera aperta alle “Sardine” del combattente per la libertà e Presidente emerito dell'ANPI (Associazione Partigiani d’Italia), Carlo Smuraglia.

Care “sardine”,

sto seguendo le vostre iniziative, con l'attenzione dovuta a tutto ciò che si “muove” in questa società, troppo statica e troppo spesso legata ad antiche prassi ed abitudini. Non ho nulla da suggerirvi e da proporvi, non solo perché non ne avete bisogno, ma perché sarebbe sbagliato. Ognuno ha il diritto – dovere di prendere in mano il proprio destino, così come molti di noi hanno fatto con la scelta partigiana nell'ormai lontano autunno del 1943. Gli sbocchi sono sempre incerti ed indefinibili a priori e nessuno ha il diritto di interferire, ferma restando la speranza che ne esca qualcosa di positivo per il complesso della vita politica e sociale italiana, così insoddisfacente per molti di noi (e di voi, credo).

Ho notato, però, un particolare che mi è parso assai interessante: durante la manifestazione svoltasi a Milano si sarebbero letti dal palco, alcuni articoli della Costituzione. Non so quali, perché ero a casa per una indisposizione che mi impediva di uscire in una giornata di pioggia. Il fatto, però, mi è sembrato positivo perché rappresenta quello che spero possa essere una premessa dello sviluppo delle iniziative che continueranno a svolgersi in tutta Italia.

Sostengo da tempo, come disse molto tempo fa Piero Calamandrei, che nei momenti difficili del Paese, il punto di riferimento deve essere la Costituzione. È questa che deve illuminarci, nei periodi più ardui e complessi, come punto di riferimento di ogni azione, perché la Costituzione è di tutti.

Io credo che già la lettura dei primi dieci articoli della Costituzione costituisca da sola un vero e proprio indirizzo per le azioni individuali e collettive. Ma sono anche convinto che l'intero “spirito” della Costituzione debba essere colto come un indirizzo, un “faro” che può guidarci, appunto quando tutto appare difficile e complicato e quando occorre individuare le vie d'uscita da un sistema che non riesce più a soddisfare i bisogni, i desideri, le attese della gente.

Ma c'è ancora una cosa su cui desidero richiamare la vostra attenzione. È pacifico che questa Costituzione si compone di affermazioni di valori, di princìpi e di impegni solenni per garantire l'effettività dei diritti, della uguaglianza e degli stessi valori concentrati soprattutto nella prima parte. Ebbene, la non attuazione di moltissimi di questi impegni è sotto gli occhi di tutti (dal lavoro, all'ambiente, alla tutela del patrimonio artistico, allo sviluppo della cultura, alla realizzazione di una vera “pari dignità sociale” e così via).

La sola attuazione di questi aspetti fondamentali della Costituzione rappresenterebbe un cambiamento sostanziale del sistema politico e sociale, un miglioramento della convivenza civile, uno sviluppo della rilevanza della persona e della sua dignità: insomma, una vera rivoluzione pacifica.

È un profilo importante, che mi permetto di sottoporre alla vostra attenzione, per ogni possibile sviluppo. Se intervengo su questo punto, lo faccio per convinzione personale (del resto, ho pubblicato due anni fa un libro con un titolo significativo: “Con la Costituzione nel cuore”) e per indicare una possibile e forse necessaria via di approfondimento.

Leggete dunque queste parole non come una interferenza, che non mi permetterei mai, ma come una sollecitazione a riflettere su un punto importantissimo della vita nazionale, verso la quale voi stessi avete espresso un segnale inequivocabile di attenzione.

Cari saluti e molti auguri,

Carlo Smuraglia, Presidente emerito dell'ANPI

Milano, 3 dicembre 2019





Fonte: Aladinpensiero online, Anpi,
RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 152 volte • piace a 2 persone3 commenti


Franco Meloni

07 Dic 2019

Dalla pagina fb ufficiale dell’evento. “Usciamo dalla rete: Cagliari si sLega Non è la paura di un pericolo imminente che ci porta in piazza a stare stretti come sardine. È la necessità di ritrovarci per riconoscerci nei valori della pace, dell’ambiente, dell’accoglienza, della solidarietà, dei diritti, della libertà e della giustizia sociale. Contro la politica urlata che alimenta odio, divisione, sfiducia e astensione. In un mondo in cui gli interessi della conservazione delle rendite di posizione hanno narcotizzato la nostra vitalità, la nostra voglia di indignarci e impegnarci, vogliamo ricostruire fiducia e rivendicare il senso stesso del fare politica come servizio a partire dalla partecipazione di ognuno di noi come persone, senza bandiere, a prescindere dall’appartenenza a partiti e associazioni. Usciamo dalla rete! Ci vediamo in Piazza Garibaldi, sabato 7 dicembre alle 19:00 con tante sardine con cui colorare la marea nera che attraversa l’Italia e la Sardegna perché: 1. I NUMERI valgono più della propaganda e delle fake news, per questo dobbiamo essere in tanti e far sapere alle persone che la pensano come noi che esistiamo; 2. È possibile cambiare l’inerzia di una retorica populista. Come? Utilizzando arte, BELLEZZA, non violenza, creatività e ascolto; 3. La testa viene prima della pancia, o meglio, le EMOZIONI vanno allineate al pensiero critico; 4. Le PERSONE vengono prima degli account social. Perché? Perché sappiamo di essere persone reali, con facoltà di pensiero e azione. La piazza è parte del mondo reale ed è lì che vogliamo tornare; 5. Protagonista è la piazza, non gli organizzatori. Crediamo nella PARTECIPAZIONE; 6. Nessuna bandiera, nessun insulto, nessuna violenza. Siamo INCLUSIVI; 7. Non siamo soli ma parte di RELAZIONI UMANE. Mettiamoci in rete; 8. Siamo vulnerabili e accettiamo la commozione nello spettro delle emozioni possibili, nonché necessarie. Siamo EMPATICI; 9. Le azioni mosse da interessi sono rispettabili, quelle fondate su gratuità e generosità degne di ammirazione. Riconoscere negli occhi degli altri, in una piazza, i propri valori, è un fatto intimo ma Rivoluzionario; 10. Se cambio io, non per questo cambia il mondo, ma qualcosa comincia a cambiare. Occorrono SPERANZA e CORAGGIO —– “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza.” A. Gramsci, 1919″. https://www.facebook.com/events/739315083217964/

Franco Meloni

07 Dic 2019

Su aladinpensiero online [sabato 7 dicembre 2019]. Movimento Sardine in Sardegna: Procurade ‘e moderare e Bella ciao uniscono le generazioni dei giovani di sempre. http://www.aladinpensiero.it/?p=102725

Franco Meloni

09 Dic 2019

Scrivono i promotori del Movimento Sardine in Sardegna. CASELLA MAIL E PROGRAMMI PER IL FUTURO CASELLA MAIL Abbiamo aperto una casella mail per ricevere tutte le vostre proposte, i temi e le idee che vi verranno in mente! La casella mail è 6000sardine.sardegna@gmail.com e la vorremmo usare appunto per concentrare tutti gli spunti che magari scrivete nei commenti o nei post e che poi, inevitabilmente, cascano sommersi da altre mille idee! Cerchiamo quindi di riorganizzarci tutti. Siete tantissimi, quasi sicuramente sarà difficile rispondere a tutti, ma così avrete la quasi matematica certezza che uno di noi riceverà le vostre idee. Noi siamo qui per questo! PROGRAMMI PER IL FUTURO Come anticipato sabato sera, a me e a molti di noi piacerebbe fare un percorso insieme. Noi non siamo altro che gli organizzatori, ma il cuore pulsante di tutto siete voi. Ed è da voi che, sabato sera, dopo la manifestazione, vi siete fermati a parlarci di zona franca, di continuità territoriale, di lavoro, di spopolamento delle zone centrali, di servizi, di insularità sì, insularità no. È stato un momento davvero bello, perché a parlare con me e con gli altri eravate di tutte le età, di tutte le estrazioni sociali, di tutti i tipi di sardine. C'è una grande voglia di fare e vorremmo che trovasse quindi una sua applicazione in uno spazio fisico, concreto: pensiamo sarebbe opportuno se ci riunissimo in un luogo per discutere tra di noi, per avanzare le proposte, dire la nostra, per elaborare idee e temi, e soprattutto per organizzare proprio l'azione delle sardine. Vi aspettiamo qui per dirci cosa ne pensate e, qualora foste concordi, se sarete disponibili nelle prossime settimane prima delle vacanze! Una data possibile sarebbe prima di Natale, per non disperderci e per tenerci in contatto! Si puntava ad esempio per il 21 Dicembre! Buona serata a tutte le sardine, un abbraccio <3

Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


Settant’anni fa il mesto congedo di Francesco Ciusa, l’artista e il massone
«Nel bacio del Signore» si spegneva settant’anni fa, all’ospedale civile di Cagliari, Francesco Ciusa, il grande artista, il maggiore degli scultori sardi del Novecento.


Nainngolan verso il ritorno al Cagliari?
Il centrocampista belga potrebbe ritornare in Sardegna per il centenario del club