User Avatar
Giornalia

 Validato   

AttualitàPolitica

Tempo di Lettura: 2 minuti

Governo, Conte rimette incarico a Mattarella

'Profuso massimo sforzo, in clima collaborazione'

Il presidente incaricato Giuseppe Conte ha rimesso l'incarico al presidente Mattarella: lo ha annunciato il segretario generale del Quirinale Ugo Zampetti. Il lavoro compiuto è stato fatto "in un clima di piena collaborazione con gli esponenti delle forze politiche che mi hanno designato", ha detto Conte parlando al Quirinale al termine del colloquio con il Capo dello Stato. "Come vi è stato anticipato ho rimesso il mandato a formare il governo di cambiamento" e "ringrazio il Presidente della Repubblica e gli esponenti delle due forze politiche per aver indicato il mio nome", ha detto ancora Conte. "Vi assicuro - ha concluso - che ho profuso il massimo sforzo e attenzione a questo sforzo, in un clima di piena collaborazione con le forze politiche che mi hanno designato".

Il presidente del consiglio incaricato, Giuseppe Conte, è al Quirinale per l'incontro con il capo dello Stato, Sergio Mattarella. Due lunghi colloqui al Colle per i leader di M5S e Lega, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, hanno preceduto l'arrivo del premier incaricato. Di Maio e Salvini hanno visto il presidente Sergio Mattarella per cercare di sbloccare in extremis l'impasse sul governo giallo-verde, e in particolare sulla presenza alla guida del ministero del Tesoro di Paolo Savona. Mattarella ha visto i due leader separatamente: al Quirinale è salito prima Salvini - che poi si è diretto a Terni dove ha in programma dei comizi elettorali - e poi, alle 18 circa, Di Maio.

LA DIRETTA VIDEO DAL QUIRINALE

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari del M5S, Mattarella nel corso dei colloqui del pomeriggio con Salvini e Di Maio avrebbe posto un veto sulla scelta di Paolo Savona a capo del Ministero dell'Economia. Scelta che, secondo quanto si apprende da fonti parlamentari leghiste, Salvini nel corso dell'incontro avrebbe invece confermato. 

Con il no di Sergio Mattarella a Paolo Savona e l'irrigidimento di M5s e Lega su questo fronte rischiano di far saltare qualsiasi possibilità di chiudere positivamente la partita per un governo giallo verde, si sottolinea in ambienti politici che fanno anche riferimento all'estremo tentativo di Giuseppe Conte per andare comunque avanti. Il Capo dello Stato, si apprende sempre in ambienti politici, avrebbe già pronta l'exit strategy del governo tecnico.

E c'è pessimismo nei vertici M5S. "Qui rischia di saltare tutto, e allora si torna al voto", è il refrain che, a quanto si apprende, filtra dai vertici del Movimento alla luce del veto posto, secondo fonti M5S, dal capo dello Stato alla scelta di Paolo Savona a capo del Tesoro.

"Se il professor Savona non può fare il ministro perché ha il difetto di difendere i cittadini italiani mettendo in discussione le regole europee, allora io se vado al governo ci porto il prof Savona", ha detto Matteo Salvini in un comizio a Terni. E ha aggiunto: "Mai servi di nessuno, mai". "Buona domenica Amici. Chi si ferma è perduto, io fino all'ultimo non mi arrendo!", aveva scritto il segretario della Lega, su Twitter pubblicando una sua foto davanti la carlinga di un aereo Alitalia.

"Sono confidente che le persone che stanno seguendo questo processo, Conte in primo luogo, possano gestire al meglio la situazione. Oggi il tema del Governo è in mano a Conte e Mattarella e sono certo che troveranno una giusta soluzione", aveva detto Davide Casaleggio. "Abbiamo scelto Ivrea - aveva sottolineato - per dare nuova vita a questi luoghi che furono di un'eccellenza italiana a livello mondiale, quella di Olivetti". 


Fonte: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/05/27/governo-ultime-trattative.-poi-conte-al-colle_dfd6eff8-3031-4768-b55e-8544ea46c8a4.html
RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 147 voltepiace a 1 persone • 1 commento  


Andrea Giulio Pirastu

03 Giu 2018

Tricchetracche

Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


Convegno "Un piano B per l'Italia". Introduzione del Professor Paolo Savona
None


Governo Conte, le prime misure: pace fiscale e tagli alla politica
Per Di Maio e Salvini nel discorso di Conte quella sull’Europa è la parte «recitata»