user profile avatar
Franco Meloni

Ricordando Agostino, padre, fratello, amico

Il 21 giugno 2023, all’età di 93 anni, nel Convento di Sant’Antonio a Quartu Sant’Elena, ci ha lasciati padre Agostino Pirri, frate francescano OFM.

article photo

Pubblichiamo il “ricordo” che di lui ha fatto un gruppo di amici (Gli Amici di padre Agostino), oggi tutti “settantenni” (alle soglie o oltre), per le messe di suffragio.

AGOSTINO PIRRI, padre, fratello, amico

 

Agostino,  cosi ti ricordiamo, dopo un’intera vita trascorsa in tua compagnia

* * * * *

Subito  dopo la chiesetta di Notre Dame de la Guerison, in val d’Aosta, si entra nella val Veny. La preferita, forse, delle mille valli alpine che padre Agostino ci ha insegnato. Educandoci a dove poggiare il piede lungo gli stretti sentieri di montagna irti di pietre sporgenti. Ci ha insegnato a come governare la stanchezza lungo la salita, a come godere, intensamente, alla vista delle genzianelle, delle marmotte al ciglio del bosco, della luce abbagliante dei ghiacciai. Ci ha insegnato – l’avrà appreso da fratel Francesco – che tutte le creature che ci camminano affianco ci sono sorelle.

Ci ha sempre trascinato lungo viottoli che puntavano sempre verso l’alto, sempre più in alto, sino a superare i ghiacciai, le nuvole, sino a confondersi con l’immensità del cielo. 

Perché la sola meta, per quel frate sbucato all’improvviso da un vicolo della città di Cagliari, in un tempo quasi preistorico, per intromettersi nella nostra vita di poco più che adolescenti – o forse mandato proprio con l’incarico di raccoglierci ed accompagnarci … perché la sola, unica meta, per quel frate mite, era il cielo.

Ma non ce lo ha mai mostrato puntando il dito verso l’alto per indicarci dove si trovasse la porta. Quell’umile, e sapiente, francescano, ci ha spiegato, con pazienza, che al cielo, quale che esso sia, si può arrivare soltanto attraversando i sentieri, a volte anche impervi e tortuosi, che si incontrano sulla terra. Ché persino Dio, per poterci salvare, è dovuto scendere su questa terra ed attraversarla, anche inciampando sul cammino, prima di ritornare dal Padre.

Cantavamo durante la messa – e ancora cantiamo – accompagnati dalle chitarre dei nostri amici, un’invocazione al Signore: “Insegnaci la strada che da te ci porterà”. Ma era lui, quel frate mite, che giorno dopo giorno cercava di indicarci quella strada.

Una strada da percorrere con gioia, non all’interno di cupe e oscure cattedrali gotiche, ma all’aria aperta, alla luce del sole, pronti sempre a leggere i segni dei tempi. Perchè quell’umile francescano, neppure si era ancora concluso il Concilio Vaticano II, che già li conosceva a memoria, e praticava con disinvoltura, i contenuti di quella riforma, ben conoscendo la differenza tra forma e sostanza, e costruendo, assieme a noi, una straordinaria comunità, umana e religiosa – dove il religioso mai prevaleva sull’umano – ispirata all’amicizia ed all’amore.

Quell’umile frate, insomma, è stato un grande innovatore, un anticipatore di quel faticoso percorso che la Chiesa ha dovuto intraprendere per adeguarsi ai segni dei tempi, e che ancora non ha concluso, nonostante le amorose premure di un altro Francesco, assiso su di uno scranno più alto, ma non per questo meno umile.

Proprio per quelle sue scelte, frate Agostino, in qualche momento, potrebbe aver fatto storcere il naso a qualcuno. Ma noi, che c’eravamo, possiamo testimoniare che è passato sui carboni ardenti senza bruciarsi, che ha superato il giudizio di Dio.

Ed accanto a quella storia collettiva, si contano le mille storie personali che quel frate intesseva, a tu per tu, con chi si trovava a dover superare i dislivelli del sentiero. Ché il fatto di imboccare il cammino cantando, e con gioia, non ci libera dalla sofferenza.

Non siamo stati gli unici destinatari del suo amore, ne siamo consapevoli.

Una volta ha trascinato sulle montagne della Thuile, persino un nutrito gruppo di suoi confratelli, nel tentativo di convertirli e farli appassionare alla montagna. Se ne andavano cantando, con lui, lungo quei sentieri alpini. Forse era proprio padre Salvatore Morittu quello che non smetteva di cantare due canzoni sassaresi, sempre le stesse: “Drommi drommi ciccita drommi” e “La mirinzana in forru”. Tanto che alla fine, qualcuno di noi se le è imparate a memoria.

Non siamo stati gli unici, quindi, ma sicuramente abbiamo occupato una parte importante della sua esperienza terrena.

Anche per questo, nel momento di salutarlo, è possibile che un groppo ci salga alla gola, che gli occhi siano tentati dal pianto.

Ma se anche così fosse, quella pena non potrà cancellare la grande gioia che ci portiamo dentro, perché la gioia è sempre stata il metro del suo insegnamento umano e religioso – indistinguibili l’uno dall’altro – né potrà farci dimenticare l’unico comandamento che ci ha trasmesso, quello dell’amore.

Più volte ad Agostino, umile francescano, è capitato di ricordare che dopo la morte di Gesù, gli apostoli, i suoi seguaci, uomini e donne, hanno continuato ad incontrarsi nel suo nome.

E noi, che continuiamo ad essere una piccola comunità di amici, che non si è dispersa, ma è rimasta fedele a sé stessa, anche grazie a quanto ci ha insegnato un umile e mite frate francescano, continueremo ad incontrarci: nel suo nome, certamente.

Ed avremo ancora occasione di ricordare, e di comprendere, la sua grandezza.

E se magari, un domani, qualche postulante delle cause dei Santi vorrà interrogarci, racconteremo tutto, senza reticenze.

Gli amici di padre Agostino

—————-

Nella foto principale padre Agostino Pirri che celebra messa nella chiesetta de la Porziuncola a Santa Maria degli Angeli, Assisi, aprile 2014 in un viaggio organizzato dagli Amici di padre Agostino e dagli Amici della Cittadella di Assisi.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

letto 2196 volte • piace a 2 persone0 commenti

Devi accedere per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!

Articoli Correlati

advertising
advertising
advertising