User Avatar
Guglielmo Trovato

 Validato   

  Salute

Tempo di Lettura: 3 minuti

Alfabetizzazione informatica e pregiudizi cognitivi. Aspetti scientifici e sanitari: implicazioni sociali, economiche e politiche.

Una panoramica dei workshop dell'EMA, European Medical Association (https://emanet.org/) presentati dal suo Direttore, Prof. Guglielmo Trovato dell'Università degli Studi di Catania.

Contesto.
Le conoscenze e le abilità digitali dovrebbero integrare e sovrapporre abilità pratiche e ragionamenti e azioni cliniche. Non dovrebbero contrastare con gli obiettivi appropriati, anche ambiziosi, e pretendere di essere un progresso o un sostituto del contatto effettivo, non solo della relazione, tra i pazienti e gli operatori sanitari. È una preoccupazione rilevante di pazienti e medici.
           L'uso più ampio delle tecnologie digitali contribuisce all'efficienza dell'assistenza sanitaria anche in sottoinsiemi di risorse limitate. In effetti, informazioni e comunicazioni adeguate e affidabili sono di grande aiuto per risolvere i problemi medici e le sfide che le persone affrontano in materia di salute e malattia, sanità pubblica e cure primarie di base, cioè medicina di famiglia e di comunità.
           Soluzioni e servizi hardware e software, inclusi telemedicina, analisi online, posta elettronica, telefoni cellulari e applicazioni, messaggi di testo, dispositivi indossabili e sensori di monitoraggio clinico e remoto supportano lo sviluppo di sistemi sanitari interconnessi.
           L'uso di tecnologie informatiche, dispositivi intelligenti, tecniche di analisi computazionale e mezzi di comunicazione per aiutare gli operatori sanitari ei loro clienti a gestire malattie e rischi per la salute, nonché a promuovere il salute e benessere sono aspetti di questo scenario multidisciplinare. Il coinvolgimento e l'impegno di diverse parti interessate, inclusi medici, ricercatori e scienziati, ingegneri, industriali e decisori che si occupano di salute pubblica, economia sanitaria e scelte gestionali di dati, sono componenti essenziali di questo processo. Anche le disuguaglianze di genere e razziali, compresa la violenza domestica, sono soggette allo sviluppo attivo di strategie di salute digitale.

La piaga delle fake news.
I protagonisti che sviluppano e diffondono fake news hanno motivazioni diverse, ma si affidano a meccanismi psicologici, bias cognitivi, per cui gli interlocutori, singoli o di gruppo, vengono raggiunti nelle conversazioni o attraverso i media.
Il nostro scopo, come EMA, è definire e riconoscere i meccanismi di accettazione, diffusione e amplificazione delle fake news nel campo della salute e della malattia tra i medici e nella popolazione in generale. "Ragionamento motivato", l'idea che siamo motivati a credere a qualsiasi cosa confermi le nostre opinioni, e "realismo ingenuo", la tendenza a credere che la nostra percezione della realtà sia l'unica visione accurata e che le persone che non sono d'accordo con noi siano necessariamente disinformate, irrazionale sono gli argomenti principali che verranno discussi, evidenziando perché qualcuno si affretta a etichettare come falso qualsiasi rapporto che metta in discussione la propria visione del mondo.
Questo profilo, endemico tra i decisori politici ed economici, sta attivamente sprecando idee, competenze e onestà. Tale contesto di diffusione universale di fake news, anche non intenzionale, diffonde messaggi e comandi discriminatori.

Gli impostori possono guidare la pseudo-scienza.
La "paura dell'imposter" in qualsiasi fase della carriera è un punto caldo oggi. L'impostore è una persona che pratica l'inganno sotto un carattere presunto, identità, pretese, crediti o nome. Questa è, ovviamente, una questione di preoccupazione comune, esterna, ostile e ricorrente per chiunque. La paura dell'impostore è, diversamente, un sentimento di persone oneste che sono spinte a dubitare dei propri successi o talenti e hanno una persistente paura interiorizzata di essere smascherate come "truffatori". Questo li fa infine delineare come non diversi dai veri impostori. La differenza è che i veri impostori sono i veri fattori scatenanti e di mantenimento di tale disagio e incertezza sociale, e talvolta possono essere la persona prepotente sul posto di lavoro. Il bullismo è ragionevolmente uno degli elementi che innesca e mantiene la paura di essere un impostore involontario. Questa situazione è un ostacolo al libero sviluppo dell'innovazione e della ricerca da parte di un pensiero indipendente e innesca il burnout degli operatori sanitari.
La schiacciante invasività delle azioni antiscientifiche trova forza anche nell'effetto Dunning – Kruger. Questo è un pregiudizio cognitivo in cui le persone con scarse capacità in un compito sovrastimano le proprie capacità. È correlato al pregiudizio cognitivo della superiorità illusoria e deriva dall'incapacità delle persone di riconoscere la propria mancanza di professionalità e, reciprocamente, di riconoscere le competenze e le capacità di altre persone. Questa è anche la premessa per la diffusione universale di fake news, anche non intenzionali, ma anche di messaggi e comandi discriminatori intenzionali. Le conseguenze del fenomeno del bullismo sulla qualità dell'assistenza sanitaria, e quindi nella diagnosi e cura dei malati, sono sostanzialmente sconosciute. Infatti, l'EMA ha svolto uno studio preliminare tramite un sondaggio online con l'obiettivo di identificare le conseguenze di bullismo, impostori, paura impostori e dell'effetto Dunning – Kruger percepiti dai nostri Membri. L'uso inappropriato di approcci computazionali come se fossero il gold standard di accuratezza e affidabilità può mascherare l'effettiva inconsistenza degli approcci clinici e delle raccomandazioni in mancanza di adeguate  prove cliniche.



Fonte: Press release - comunicato Stampa European Medical Association, Brussels
RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 390 volte • piace a 2 persone0 commenti


Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


OBJECTIFS EFFICACES ET APPROPRIÉS POUR RENFORCER L'INNOVATION DANS L'ÉCONOMIE, LA SOCIÉTÉ ET L'ENSEIGNEMENT DES SCIENCES EN EUROPE.
Concentrez-vous sur la prévention du risque de gaspillage des ressources en finançant des approches informatique trompeuses. EMA , Bruxelles, 6 Nov. 2020, par Guglielmo Trovato et par Matteo Russo


LA SFIDA DI OBIETTIVI EFFICACI E APPROPRIATI PER L'INNOVAZIONE NELL'ECONOMIA, NELLA SOCIETÀ E NELL'EDUCAZIONE SCIENTIFICA IN EUROPA.
Concentrarsi per evitare il rischio di sprecare risorse finanziando e sostenendo approcci digitali fuorvianti. EMA Workshop - Brussels, 6 Novembre 2020. Guglielmo Trovato e Matteo Russo