User Avatar
Guglielmo Trovato

 Validato   

  SaluteIstruzioneScienza e Tecnologia

Tempo di Lettura: 3 minuti

LA SFIDA DI OBIETTIVI EFFICACI E APPROPRIATI PER L'INNOVAZIONE NELL'ECONOMIA, NELLA SOCIETÀ E NELL'EDUCAZIONE SCIENTIFICA IN EUROPA.

Concentrarsi per evitare il rischio di sprecare risorse finanziando e sostenendo approcci digitali fuorvianti. EMA Workshop - Brussels, 6 Novembre 2020. Guglielmo Trovato e Matteo Russo

Le strutture sanitarie, l'industria e la ricerca fanno già uso di approcci computazionali e professionisti della bioinformatica in tutto il mondo. Oggigiorno la sfida è fornire alla forza lavoro europea competenze digitali e computazionali che siano competitive con quelle disponibili in altre parti del mondo, in particolare negli Stati Uniti e in Cina.

Una diffusa ostilità verso la medicina convenzionale e occidentale, variamente ammantata di asserzioni e fake news, è diventata un alibi per sostituire le attività professionali nelle scienze mediche fittizie, variamente etichettate come alternative o non convenzionali. La strategia sta sostituendo e persino tentando di screditare le pratiche mediche basate su prove di ricerca e studio e su competenze professionali verificate. Questo spiega l'invasione di professionisti che si definiscono idonei all'assistenza sanitaria, ma che non provengono da alcun percorso professionale, accademico ed etico, né da una visibile traiettoria didattica pertinente. I rischi di questa usurpazione della qualifica professionale sono molteplici, sia per gli utenti che per chi si qualifica come tale con definizioni fuorvianti delle proprie competenze, facendolo solo per fini di marketing e di business. Esiste un appello e una richiesta universali per migliorare informazioni e metodi certi e affidabili in qualsiasi campo, ma, in particolare, nell'assistenza sanitaria e nella ricerca medica. La diffusione di un'efficace alfabetizzazione e di una solida esperienza nella biologia computazionale e nelle scienze mediche, in particolare nella bioinformatica e nella biostatistica computazionale, è una delle esigenze più insoddisfatte dell'insegnamento accademico europeo. Il suo valore è ancora maggiore nelle industrie, in qualsiasi organizzazione impegnata in servizi sanitari o biologico-farmacologici e nella sanità pubblica. Le conoscenze e le abilità digitali dovrebbero integrare, affiancare e sovrapporre abilità pratiche, ragionamento clinico e azioni. D'altra parte, gli approcci digitali e in silico non devono contrastare nessuna delle migliori pratiche cliniche dirette e basate sull'evidenza, sviluppando gli obiettivi e le pretese ingenui o ambiziosi di essere progressi o sostituti del contatto effettivo, non solo della relazione, tra i pazienti e professionisti sanitari. Questa è una preoccupazione rilevante dei pazienti e dei medici. L'uso più ampio delle tecnologie digitali contribuisce all'efficienza dell'erogazione dell'assistenza sanitaria anche in sottoinsiemi di risorse limitate. In realtà, informazioni e comunicazioni affidabili e convenienti sono un valido aiuto per affrontare i problemi medici e le sfide affrontate dalle persone in salute e malattia, nella sanità pubblica e nella base dell'assistenza primaria, ovvero la medicina di famiglia e di comunità. Soluzioni e servizi hardware e software, inclusi telemedicina, analisi basata sul web, posta elettronica, telefoni cellulari e applicazioni, messaggi di testo, dispositivi indossabili e sensori di monitoraggio clinico o remoto concorrono allo sviluppo di sistemi sanitari interconnessi. L'uso di tecnologie computazionali, dispositivi intelligenti, tecniche di analisi computazionale e mezzi di comunicazione per aiutare gli operatori sanitari ei loro clienti contribuiscono alla gestione delle malattie e dei rischi per la salute, oltre a promuovere la salute e il benessere come aspetti di questo scenario multidisciplinare. Come sappiamo, l'ascesa delle tecnologie guidate dall'intelligenza artificiale nel settore sanitario è stata davvero enorme negli ultimi anni. In particolare, non solo questi dispositivi così come l'insieme tecnologico qui presentato saranno un modo per raccogliere dati per una medicina predittiva personalizzata più raffinata e veramente potente, ma l'AI, più in generale, permetterà (e sta già permettendo) di costruire sistemi intelligenti robusti e resistenti a tentativi fasulli e mirati di denigrare il credito della medicina sperimentale nel mondo scientifico contemporaneo. Il coinvolgimento e l'impegno di diverse parti interessate, inclusi medici, ricercatori e scienziati, ingegneri, industria e responsabili politici che si occupano di salute pubblica, economia sanitaria e scelte di gestione dei dati sono le componenti vitali di questo processo. Anche le disuguaglianze di genere e razziali, compresa la violenza domestica, sono temi oggetto di sviluppo attivo da strategie di salute digitale.

La sfida operativa è ora quella di sforzarsi di incoraggiare, sostenere e mantenere la qualità della formazione scientifica di alto livello e di scoraggiare e neutralizzare approcci o metodi antiscientifici che sono lontani dalla medicina basata sull'evidenza. Ciò implica la gestione delle politiche e delle strategie di finanziamento con consapevolezza, riconoscimento della competenza, rigore etico e deontologico ed estrema trasparenza di intenti e mezzi. Concentrarsi sull'evitare il rischio di sprecare risorse finanziando e sostenendo approcci dilettanteschi alla ricerca o, peggio, alla medicina, deve essere il più possibile accurato e responsabile. Il collegamento tra bioinformatica e AI è ottimo: https://www.nature.com/articles/d41586-020-03348-4. Cambierà tutto: l'intelligenza artificiale (AI) di Deep Mind compirà un balzo in avanti nella risoluzione delle strutture proteiche. Il programma di deep learning di Google per determinare le forme 3D delle proteine sta per trasformare la biologia.

Visitate, se interessati, https://www.bios-project.eu/site/ e iscrivitevi gratuitamente al corso finanziato da Erasmus-Plus in Computational Skills for Health Professionals https://mooc.bios-project.eu/courses/ course-v1: Bios + BioS1 + 2019 / about



RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 254 volte • piace a 1 persone0 commenti


Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


How cognitive biases have negative effects on precision medicine, bioinformatics & computer literacy in scientific and healthcare issues.
Social, economic and political implications. An overview from the previous EMA Workshops, introduced by its Director, Prof. Guglielmo Trovato, MD. The University of Catania, Italy. (2016-2020)


Ricapitolando fra passato, presente e futuro probabile in un Vietnam unito, diviso, da riunire.
Le analisi di don Angelo Pittau, le sue sconsolate conclusioni