user profile avatar
Redazione

Marocco: 13 nuove infrastrutture di sicurezza realizzate nel 2023

Al fine di rafforzare le strutture di polizia di prossimità e garantire l'adeguamento dei servizi all'espansione di nuovi centri urbani, la Direzione Generale della Sicurezza Nazionale (DGSN) ha istit

article photo

Sono 13 nuove le infrastrutture di sicurezza realizzate nel 2023 in Marocco. Si tratta del 5° distretto della questura di Rabat, del distretto di polizia di Ryad, del 24° distretto della questura di Marrakech, nonché della creazione dell'unità mobile di polizia d'emergenza presso la questura di Kénitra. Ma anche di due brigate cinofile poliziotto nelle città di Kénitra e Larache e un gruppo mobile per il mantenimento dell'ordine nella città di Settat.

Secondo un comunicato stampa della DGSN nel suo rapporto annuale 2023, la creazione di queste 13 nuove strutture di sicurezza è intesa a rafforzare le strutture deputate alla polizia di prossimità e a garantire l’adeguamento dei servizi all’espansione urbana.

Questo rafforzamento riguarda anche la questura di Rabat, con la creazione del 5° distretto di polizia e del distretto di polizia di Ryad, nonché l'istituzione di 24 distretti all'interno della questura di Marrakech. Ciò porta a 454 il numero totale dei distretti di polizia a livello nazionale, che coprono tutte le aree urbane soggette ai servizi di sicurezza nazionale.

Allo stesso tempo, la DGSN ha continuato la generalizzazione delle unità di polizia di emergenza, operando sotto la supervisione delle sale di comando e coordinamento.

Quest’anno, l’inaugurazione dell’unità mobile di emergenza della polizia presso la questura di Kénitra, in funzione permanente, ha segnato un significativo passo avanti. Composta da squadre mobili di ciclisti e mezzi di soccorso, questa unità risponde in modo efficace alle richieste di aiuto dei cittadini, garantendo un intervento rapido. I suoi veicoli sono costantemente controllati e monitorati dai servizi competenti a livello centrale e regionale.

Nel corso di quest'anno le sale di comando e coordinamento hanno gestito complessivamente, tramite la linea telefonica 19, 19.722.041 chiamate di emergenza, con conseguenti 867.042 interventi sulla pubblica via. Allo stesso tempo, le unità mobili di emergenza della polizia hanno avviato 448.256 interventi.

Oltre alle chiamate di emergenza, i cittadini hanno chiesto informazioni. Sono state registrate anche chiamate di carattere negativo.

Nello stesso contesto, le brigate in divisa hanno effettuato 494 pattugliamenti sulle strade pubbliche, per un totale di 529.164 interventi sul terreno, che vanno dall'arresto di persone coinvolte in procedimenti penali alla stesura di denunce di reati contro il codice della strada e della circolazione, compresa la denuncia mantenimento dell'ordine pubblico.

Inoltre, la DGSN ha inaugurato spazi di accoglienza dei cittadini, in collaborazione con il Ministero responsabile della transizione digitale e della riforma amministrativa, nonché con il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP).

Questi spazi sono stati inizialmente allestiti presso il Centro di registrazione dei dati di identità del distretto di polizia provinciale di Témara, nella sezione stranieri del Servizio di intelligence generale della prefettura della questura di Casablanca e presso la sede del 5° arrondissement del distretto di Mehdia-Kénitra. questura, in attesa di una futura generalizzazione di tale esperienza su scala nazionale.

Questi spazi di accoglienza destinati ai cittadini marocchini e agli stranieri si distinguono per le loro strutture che conciliano un aspetto estetico dell'architettura interna e un ambiente di accoglienza e orientamento esemplare con la presenza di agenti di polizia, donne e uomini, ben qualificati per guidare gli utenti di questo servizio pubblico.

Dotati di un sistema informativo integrato attraverso computer collegati a sistemi specializzati e interconnessi con dispositivi di scansione quali scanner ottici e lettori digitali di impronte digitali, carte e dati di identità, questi centri si propongono l'obiettivo di promuovere i servizi di polizia riducendo notevolmente i tempi necessari per ricevere e elaborare le richieste degli utenti.

Inoltre, l'anno 2023 è stato caratterizzato dal rafforzamento delle unità territoriali con nuove squadre, grazie in particolare alla creazione di due brigate cinofile poliziotto nella prefettura di polizia di Kénitra e nel distretto provinciale di Larache, nonché di un gruppo mobile per il mantenimento dell'ordine nella città di Settat, oltre a tre servizi specializzati nell'accertamento di incidenti nei distretti di polizia di Benguerir e Tanger-Beni Makada e un altro presso la stazione di polizia di sicurezza regionale di Ait Melloul.

Prevede anche l'apertura di un nuovo centro di registrazione dei dati di identità nel distretto di Driouch.

CONTINUA LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE DGSN:

E sempre nell’ambito del miglioramento della governance della sicurezza e dell’ammodernamento del servizio pubblico di polizia, proseguono i lavori di costruzione della nuova sede della Direzione generale della Sicurezza nazionale su un’area di 20 ettari nel distretto di Ryad.

Si tratta di un complesso amministrativo integrato che riunisce tutti i dipartimenti centrali di sicurezza in un unico luogo. I lavori nei vari stabilimenti di base hanno raggiunto un tasso di completamento del 90%, secondo i piani di lavoro stabiliti per rispettare le scadenze inizialmente fissate.

L'anno 2023 è stato segnato anche dall'avvio dei progetti di costruzione di sette nuovi edifici di sicurezza, tra cui quello del Distretto di Sicurezza Regionale nella città di Fkih Ben Saleh, nonché le sedi dei distretti di polizia e dei servizi antinfortunistici del traffico e della sanità. presso la questura di Tangeri.

Inoltre, sono stati creati tre distretti di polizia a Casablanca, Khenifra e Mohammedia. A ciò si aggiunge un'operazione di riequipaggiamento e riabilitazione delle sedi di tre distretti di polizia della prefettura di Casablanca, di tre distretti della prefettura di Fez, della sede della stazione di polizia di Bouznika, della brigata mobile responsabile del mantenimento dell'ordine presso la polizia di Fez quartier generale e un distretto di polizia nella città di Benslimane.

L'anno in corso, inoltre, è stato caratterizzato dall'avvio del processo completo di implementazione della nuova identità visiva volta a distinguere la flotta dei mezzi di vigilanza dagli altri veicoli e automobili.

Pertanto, 549 veicoli d'intervento e corrieri sono stati dotati di questa nuova identità visiva. Allo stesso tempo, è proseguita l'ammodernamento del parco veicoli della sicurezza nazionale con l'acquisizione e la consegna di 2.132 nuovi veicoli a beneficio delle diverse direzioni regionali e centrali della sicurezza nazionale. Questi veicoli sono attrezzati per soddisfare le esigenze professionali di diverse unità e brigate di polizia a livello nazionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

letto 1014 volte • piace a 0 persone0 commenti

Devi accedere per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!

Articoli Correlati

advertising
advertising
advertising